Accesso Utenti

Calendario eventi

nuovologofitetrecante

Centro Affiliato Fitetrec-ANTE

2017

logo Coni small

 

LogoIrcha

 

ricky118 dicembre ore 8 del mattino di un venerdì che anticipa il Natale. I cavalieri sono già schierati in arena nonostante il periodo prefestivo, nonostante il freddo del mattino e nonostante che l’incontro si tenga a cavallo fra il Venerdì e il Sabato di un periodo prefestivo per assistere all’attesissimo clinic del Trainer Ricky Nicolazzi. Fa freddo ma la giornata si presenta radiosa con un bel sole che saluta l’evento dove come al solito l’organizzazione dello Jacopo Ranch si è impegnata al 100% per far si che il clinic di cow horse rimanga memorabile. Continua infatti il sodalizio che vede lo storico maneggio piemontese affiancato da Tony Cancellieri nell’organizzazione di eventi dalla portata internazionale che richiamano in arena cavalieri provenienti da tutte le zone d’Italia e questa volta anche dall’estero con una cospiqua partecipazione di cavalieri dalla Francia.

Il movimento del Cow Horse in Italia gode in questo momento di un espansione a dir poco esponenziale. L’interesse verso questa completissima disciplina staricky2 crescendo sempre più e ad una velocità a dir poco impressionante e pian piano sta conquistando nuovi appassionati, qualche volta anche portandoli via a discipline che fino a ieri godevano di immenso interesse sia da parte del pubblico competente, sia da parte dei cavalieri e degli sponsor. Ed è proprio la grande affluenza di cavalieri e di auditori ai clinic do cow horse organizzati dallo Jacopo Ranch e da Tony Cancellieri che testimonia questo aumento di interesse, al punto che purtroppo non è stato possibile accogliere tutte le richieste di iscrizione che provenivano sul portale del maneggio. Ricky Nicolazzi è arrivato a Piossasco la sera di Giovedì e ha così potuto dare le giuste direttive ai membri dello staff per la preparazione dell’arena e per mettere a disposizione del trainer i cavalli adatti e tutti gli strumenti didattici necessari allo svolgimento del clinic.

Ricky Nicolazzi si e’ spostato in california nel 2009 per affiancare Romina e Cristian Brunello nella realizzazione e nella gestione di Piras Cows & Horses USA. Ricky addestra e gareggia con cavalli da reining e da cow horse ed e’ giudice NRCHA. Nel 2009 ha iniziato con 2 cavalli di proprieta’ PCH e uno di sua proprieta’, con tenacia e talento ha oggi 20 cavalli in addestramento. Nel 2012 e’ stato il primo Italiano ad andare in finale a NRCHA Snaffle Bit Futurity con un cavallo Italiano, It’s Bingo Time, con il quale ha avuto numerosi successi in NRCHA. Oggi It’s Bingo Time ha vinto 33.817.32$ in carriera. Ricky si e’ classificato nei Top 20 reiner trainer per diversi mesi nel 2015, e ha ottenuto numerosi altri successi in special event di Reining e Cow horse. Il clinic e’ cominciato puntualmente alle 8:30 con il classico lavoro con la bandierina preceduto da un corretto riscaldamento. Ricky sottolinea molto l’importanza del lavoro preparatorio di riscaldamento e di impostazione prima di approcciare alla flag. Il cavallo deve ‘mollare’ lo si deve lasciar pensare al lavoro che dovrà’ svolgere, deve ‘capire’ cosa vogliamo da lui e solo quando l’animale e’ pronto si puo’ cominciare. 

ricky3Ricky ci spiega che “Per il cavallo deve esistere solo la bandiera e null’altro. Il cavallo non deve percepire l’ambiente esterno. Il suo focus, la sua attenzione deve essere solo sulla bandiera come oggetto target della propria concentrazione. Non bisogna mai lasciarlo guardare altrove e l’occhio del cavaliere deve essere sempre sulla flag condizionando così la postura in sella.”. Sottolinea Ricky “Un cavallo da cow horse non è un cavallo da reining. Non è pensabile, in contesti agonistici di un certo livello, portare un cavallo definito per il reining in un evento cow horse”. Per Ricky abituato a competere a livelli elevatissimi in competizioni NRCHA e NRHA AGE EVENTS, “La distanza e’ ora incolmabile; si sono raggiunti due estremi opposti che fan si che un cavallo preparato per il reining non possa riuscire bene, ad esempio, nel rapporto con il vitello. Sono due estremi opposti che richiedono una preparazione diversa per il cavallo da cow horse che spesso è opposta a quella del cavallo da reining”.

La mattina è stata lunga e ogni cavaliere ha avuto il suo momento dove ha potuto provare quanto spiegato da Ricky il quale ha così potuto valutare singolarmente ogni partecipante dispensando consigli su tutti i binomi cavallo/cavaliere. Lo Jacopo Ranch ha anche messo a disposizione un servizio di traduzione simultanea per i cavalieri provenienti dalla Francia. Dopo pranzo si è ripreso a lavorare alla bandierina mentre la seconda parte del venerdì si è svolta principalmente nell’arena scoperta dove, complice un bel sole, si è lavorato con il bestiame. Per quasi tutto il resto del clinic che si è distribuito in due intense giornate di lavoro, dalle 8:30 del mattino al calar del sole, si è lavorato sulla componente Fence Work e Cutting nelle quali la stragrande maggioranza dei cavalieri presenti ha voluto approfondire le tecniche e gli insegnamenti del trainer ormai naturalizzato americano. Ogni cavaliere ha avuto il suo momento nel quale il trainer ha potuto valutare singolarmente pregi del binomio ed eventuali difetti da correggere sui quali il cavaliere dovrà in seguito lavorare. La serata tra venerdì e sabato è stata all’insegna dell’Asado in club house per tutti i partecipanti magistralmente preparato da Sergio Silvera. La mattina alle 8:30 nuovamente tutti pronti in arena. Ricky spiega chiaramente che sia nel fence work che nel cutting i cavalli devono essere morbidi sulle mani e focalizzati sul vitello ma rispettosi dei comandi del cavaliere, sempre pronti a riceverli. Nel cutting il cavallo deve rispettare la sua “linea” in fronte al vitello e avere il baricentro sul posteriore in modo che le spalle siano leggere e veloci e di conseguenza pronte a reagire per seguire i rapidi cambi di direzione del vitello. Nel fence work il cavallo deve spingere il vitello nella giusta direzione e deve rispettare il cavaliere sempre aspettando il suo comando per superarlo. E questo può avvenire solo nel momento nel quale la testa del cavallo si trova all’altezza della spalla del vitello. Solo ora il cavaliere può chiedere la girata. Tanti consiglie e tanto tempo dedicato ad ogni singolo binomio cavallo/cavaliere, molte le valutazioni e le preziose nozioni messe a disposizione da Ricky per ognuno, auditori compresi. Insomma ancora una volta il sodalizio fra lo Jacopo Ranch e Tony Cancellieri ha saputo confezionare un evento di alto rilievo garantendo a tutti i partecipanti il massimo della soddisfazione.

Il business di Ricky è ora al 100% concentrato negli USA con il Ricky Nicolazzi Training Stable e il Piras Cows & Horses USA ma spesso viene in Italia per proporre il suo prodotto e per ritrovare tutti i suoi migliori amici. Ricky ha iniziato alla grande la stagione agonistica 2016 vincendo il Luca’s Oil Open Derby alla guida di Short N Catt, un castrone di 5 anni di proprieta’ di Sarah Davis. Lo staff dello Jacopo Ranch e Tony Cancellieri augurano a Ricky un grande “In bocca il lupo” per tutte le numerose gare che lo attendono. Un ringraziamento inoltre va a tutti i partecipanti (cavalieri ed auditori) che hanno sempre voglia di crescere e di migliorarsi, all’organizzatore Tony Cancellieri che non smette mai di stupirci portando in Italia i migliori trainer dall’America, ai proprietari dello Jacopo Ranch, Giacomo e Patrizia per tutta la logistica e gli splendidi cavalli messi a disposizione di Ricky ed infine Villa Mirano B&B che ha ospitato lo staff Nicolazzi nei migliori dei modi. Già confermato per Aprile il clinic di Chris Dawson, grazie ai contatti presi da Samuele Poli del Samisa Ranch e in ottobre avremo con noi il fenomeno Corey Cushing.

Per informazioni sui prossimi clinic scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure visitate il sito www.jacoporanch.it. Sul sito è presente una sezione dove è possibile manifestare il proprio interesse per uno dei clinic in programma nel 2016.

Di seguito una selezione di immagini. Tutte le foto e le versioni in alta definizione sono disponibili contattando Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Pin It